DANCE PARODIES – parodie e altri balletti ironici

DANCE PARODIES – parodie e altri balletti ironici

Non solo diademi, principi e principesse. Tra i balletti di repertorio si possono facilmente trovare stravaganze e parodie. Certo, sempre eseguite con grande tecnica e maestria!

LA FILLE MAL GARDEE – LA DANZA DEGLI ZOCCOLI

Direttamente da ‘La fille mal gardee’, ecco la famosa danza degli zoccoli (Clog dance). La vedova Simone, in centro, maestosamente rappresentata da Will Tuckett, si lascia trascinare nella danza degli zoccoli in celebrazione del periodo del raccolto.

LA FILLE MAL GARDEE – LA DANZA DELLE GALLINE

Sempre dalla campagna inglese de ‘La fille mal gardee’, ecco spuntare un gruppo di stravaganti galli…

MISTAKE WALTZ – JEROME ROBBINS

Sappiamo bene che la danza classica è sinonimo di ricerca della perfezione. Ma siamo certi che i ballerini non sbaglino proprio mai? E se gli errori venissero incorporati in un balletto, non pensate sarebbe divertente? J. Robbins, nella sua lungimiranza, l’ha fatto. Enjoy!

LE GRAND PAS DE DEUX – CHRISTIAN SPUCK

E arriviamo ora al re dell’ironia: Christian Spuck. Le Grand pas de deux è intenzionalmente una parodia dei passi a due e richiama al suo interno alcuni dei più famosi balletti di repertorio (Il lago dei cigni, Giselle ad esempio). Insomma, un pas de deux a dir poco stravagante, dove il ruolo femminile viene esaltato in tutta la sua voluta goffaggine ed ironia. E fortunata la prima ballerina Alicia Amatriain, che si trova a danzare questo favoloso pezzo con niente poco di meno del nostro autoctono Roberto Bolle.

IL LAGO DEI CIGNI – I QUATTRO CIGNETTI

Terminiamo quindi con uno dei pezzi di repertorio più parodiati al mondo: i quattro cignetti. Se non lo conoscete, date un occhio alla versione originale cliccando qui e poi godetevi alcune delle migliori parodie in circolazione!

Les Ballets Trockadero di Monte Carlo sono un gruppo di aitanti uomini che si cimentano nel repertorio classico e non solo. Avete capito bene, ci sono SOLO uomini all’interno della compagnia e si esibiscono anche con le punte. Sì esatto, le scarpette da punta, quelle che di solito vengono utilizzate solo dall’universo femminile. Beh, insomma, guardare per credere!

C’è poi chi si era stufato di vedere solo cigni e ha quindi deciso di trasformarli in abili ranocchi. In fondo stiamo sempre parlando di uno stagno, quindi la storia fila!

E concludiamo con i “nostri” Choros Ballet (se non sai chi sono, dai un’occhiata all’articolo Best of… youtube!). I Choros, senza mai perdere la loro ironia, hanno trovato una nuova chiave di interpretazione di questo grande classico di repertorio. Spoiler: anche i cignetti possono ingrassare!

Allora, avete visto che il repertorio classico va ben oltre le severe tradizioni della danza e spesso, se lo sappiamo leggere, è contornato di ironia? A voi, quale pezzo ha fatto ridere di più?

Potrebbe interessarti anche:

Condividi l'articolo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.